Articoli di: Luca Antonucci

(Campionato 2019/2020)



  • CAMPIONATO REGIONALE DI 6a CATEGORIA (MANZOLINO, 22/12/2019)

Partecipano Marcello Davi, Simone Tumiati e Filippo Azzolina. Il risultato migliore è di Davi, che supera come primo classificato il suo girone (3-1 a Cristiano Cerè, 3-2 a Selvino, 3-0 a Catino) e poi, nel tabellone a eliminazione diretta, cede nei sedicesimi di finale a Lottici (0-3). Terzo posto in girone, invece, per gli altri due atleti estensi: Tumiati batte Benati (3-1) ma perde con Caglayan (2-3) e con Annunziata (0-3), mentre Azzolina supera in rimonta Lodi (3-2, dopo essere stato sotto di due set) ma si arrende in tre frazioni sia con Caronna sia con Guidetti.



  • TORNEO NAZIONALE GIOVANILE (TERNI, 13-14-15/12/2019)

Partecipa solo Pietro Andreoli, al primo torneo nazionale della carriera. Il baby estense, nella categoria Giovanissimi (48 iscritti), chiude al terzo posto il suo girone, pagando a caro prezzo la sfortuna e un’indisposizione sopraggiunta proprio nel luogo di gara. I segnali, però, in chiave futura sono sicuramente incoraggianti. Nella prima fase, infatti, Pietro impegna Dell’Aquia (1-3), batte nettamente Buzzoni (3-0) e cede alla bella di un soffio (e dopo essere stato avanti di due set) a Zhou, poi nono assoluto: un fatto, quest’ultimo, che fa ben sperare sul potenziale della promessa ferrarese.



  • CAMPIONATI A SQUADRE – 7a GIORNATA (7-8/12/2019)

Il girone di andata dei campionati a squadre si è concluso con il Tennistavolo Ferrara sostanzialmente in rotta con i propri obiettivi di partenza. In serie C1, dove si punta a una doppia salvezza, la squadra “B”, battendo in casa per 5-0 una rimaneggiata Dynamis Manzolino (due punti a testa per Curarati e Sani, uno per Antonucci), è salita a quota otto, al terzo posto in coabitazione con Modena e con quattro punti di vantaggio sulla zona a rischio. Di rilievo, nell’occasione, i successi di Antonucci e Curarati sul quotato Bignami, giovane in forte ascesa. Una prima metà di stagione quindi molto positiva, nella quale, nonostante la presenza a mezzo servizio di Gallerani, i grandi meriti sono stati il carattere, la compattezza del gruppo (Sani 11 vittorie e 6 sconfitte: 65% di positività; Curarati 10-6, 63%; Antonucci 3-4, 43%; Gallerani 3-5, 38%) e la capacità di vincere gli scontri diretti (tutti in porto quelli con Nettuno, Sarmeola e Manzolino). La formazione “A”, per contro, perdendo per 5-0 sul campo della capolista Forlì rimane terz’ultima, con la prospettiva, però, di avere a disposizione quasi stabilmente d’ora in poi il numero uno Seidenari (fin qui imbattuto in campionato, 9 su 9, ma indisponibile in quattro occasioni su sette), fatto che con ogni probabilità, unito alla contemporanea presenza di Buzzone (finora bilancio di 6-5, 55%) e Caravita (4-11, 27%), entrambi chiamati a un miglioramento senz’altro nelle loro corde, le consentirà di raggiungere presto zone ben più nobili di classifica: una speranza avvalorata dal fatto che nelle uscite in cui il terzetto si è presentato al completo la vittoria è sempre arrivata. Stagione tranquilla anche in D1, dove la terza squadra societaria, dopo un avvio difficile, ha iniziato a mietere vittime arrivando al giro di boa in quarta posizione (ma ad appena due punti dalla seconda piazza). Nell’ultima gara di andata, con una bella prova di squadra, gli estensi hanno battuto in casa la forte Dynamis Manzolino “C” per 5-3 con due punti di Mugellini (finora il migliore del gruppo: bilancio di 15-3, 83% di positività) e uno a testa di Lombardi (2-7, 22%), Mari (4-5, 46%) e Traversi (5-5, 50%). Problemi, invece, in D2, dove il Tennistavolo Ferrara “D”, dopo un buon avvio coinciso con la presenza di Antonucci (poi salito in C1), è andato in parabola discendente fino a rivedere la zona retrocessione (ora a -2) dopo il 3-5 subìto sul campo del Nettuno (due punti per un positivo Polloni, uno per Sfrisi). In questo caso il rendimento della squadra durante l’andata è stato il seguente: Antonucci 8-0 e 100%, Polloni 8-4 e 67%, Sfrisi 2-3 e 40%, Bonora 2-6 e 25%, Travers 1-4 e 20%, Malagù 0-3. In D3, infine, dominio assoluto per la formazione “E” societaria, ancora imbattuta, a riposo nell’ultimo turno di andata e realisticamente già con un piede e mezzo nella categoria superiore. A metà stagione Alessandro Andreoli ha il 100% di positività (bilancio di 13-0 e nessun set perso), Bianchetti l’89% (8-1), Blasi il 67% (2-1), Davi il 44% (4-5) e il giovanissimo Pietro Andreoli, al suo primo anno di agonismo, il 43% (3-4). La squadra “F” societaria, a sua volta, ha portato a termine più che dignitosamente la prima metà di campionato vincendo tre gare su sette, nonostante il dispiacere giunto con il 4-5 interno contro la Maior nell’ultima giornata (due punti Tumiati, uno a testa Fratti e Azzolina). Percentuali a metà campionato: Travers 80% (4-1), Biasini 63% (5-3), Tumiati 50% (6-6), Azzolina 43% (3-4), Fratti 17% (1-5), Gangarella 9% (1-10).



  • CAMPIONATI A SQUADRE – 6a GIORNATA (30/11 – 01/12/2019)

Il Tennistavolo Ferrara archivia la penultima giornata di andata dei campionati a squadre con un bilancio positivo solo a metà. Il grande colpo del week-end è stato messo a segno dalla formazione “B” societaria, che in serie C1, vincendo in trasferta per 5-1 lo scontro diretto con il temibile Sarmeola (terzo successo stagionale), ha compiuto un importante passo sulla strada per la salvezza per quanto la classifica, nelle zone basse, sia in continuo movimento e non consenta di stare tranquilli (il penultimo posto è solo due punti più giù). Un incontro, quello contro i padovani, decisamente più combattuto di quanto dica il punteggio, con tre singolari su sei conclusi al quinto set e fasi di gioco molto equilibrate. Ottima, nel complesso, la prova degli estensi: Curarati, nonostante le non buone condizioni fisiche, è riuscito con valore e tenacia a conquistare due punti fondamentali sullo sloveno Matijevic e sul forte Bragotto, entrambi battuti alla bella; Sani ha siglato un’altra doppietta (3-1 sia a Ferrara sia a Matijevic) confermando ancora una volta tutta la sua grinta e la sua solidità; Antonucci, dopo essere giunto a pochi passi dal successo con il numero uno locale Bragotto (2-3, nonostante l’iniziale vantaggio di due set), ha messo a segno il quinto successo di giornata sul giovane Ferrara (3-1). Nella zona a rischio della classifica di C1, per contro, al momento rimane la squadra “A” societaria (quattro punti), che ha pagato a caro prezzo la nuova assenza di Seidenari cedendo in casa al fanalino Nettuno Bologna per 4-5. A nulla è valsa la tripletta di Buzzone, che dopo un avvio a rilento ha messo in fila tutti gli avversari (soffertissimo 3-2 a Bertana, 3-1 a Zannoni, 3-0 allo spagnolo Castro Sanchez), perché Caravita, dopo avere caparbiamente superato in rimonta l’iberico (3-2, da 0-2), si è arreso a Bertana in quattro set e a Zannoni in tre. In serie D1 il Tennistavolo Ferrara “C” è stato battuto a Parma dalla capolista San Polo per 5-1. Di Mugellini sul più quotato Berciga il punto della bandiera in un incontro che oggettivamente, comunque, sembrava proibitivo già in partenza. Sconfitta anche per la squadra di D2, rimaneggiata e battuta a domicilio dalla Zinella San Lazzaro per 5-2 (una vittoria a testa per Bonora e Travers rispettivamente su Bonicelli e Tomba, avversari di migliore ranking individuale), con la classifica che ora, in chiave salvezza, va assolutamente tenuta d’occhio. Tutto bene, invece, in D3, con la formazione “E” (capolista a punteggio pieno) a segno in scioltezza sul campo della Fortitudo “7” (5-0 con due successi del giovane Blasi e uno a testa di Davi, Alessandro Andreoli e Pietro Andreoli, quest’ultimo, nonostante i suoi otto anni, al terzo successo individuale in campionato) e la squadra “F” brillante corsara per 5-4 a Imola (tre punti di Tumiati, due di Biasini).



  • CAMPIONATI A SQUADRE – 5a GIORNATA (23-24/11/2019)

Quattro vittorie in sei incontri, per il Tennistavolo Ferrara, nella quinta giornata dei campionati a squadre. In serie C1 la squadra “A” societaria è tornata al completo (e al successo) battendo per 5-2 in trasferta una Dynamis Manzolino sensibilmente rimaneggiata. Tre punti per Tommaso Seidenari (ancora imbattuto dopo nove singolari, quattro dei quali vinti al quinto set) e una vittoria a testa per Buzzone e Caravita, superati dal giovane Bignami ma a segno in tre frazioni rispettivamente sul numero tre avversario Martolini e su Corsini. Sempre in C1, sconfitta bruciante, per contro, per la formazione “B”, battuta in casa dalla Metalparma Villa d’oro (3-5) in un match di quasi cinque ore nel quale solo un incontro si è chiuso in tre parziali, a conferma del grande equilibrio visto in campo. Buona prova di un solido Sani (due punti su Stanga e Patera, sconfitta di un soffio nel terzo match), mentre Gallerani, nella gara di apertura, ha saputo imporsi al quinto set sull’ostico Roncaccioli; decisiva per il risultato la giornata opaca di capitan Curarati, battuto due volte (da Patera e da Roncaccioli) e rilevato senza successo, in seguito, da Antonucci (superato da un ottimo Stanga). Entrambe le squadre estensi sono quarte in classifica, con due lunghezze di margine sulla zona retrocessione. In serie D1 il Tennistavolo Ferrara “C” ha colto la terza vittoria di fila superando in casa la Dynamis “D” per 5-2. Seconda tripletta stagionale per Mugellini (a segno contro Badiali, Orpelli e Benini), che dopo cinque giornate è il miglior giocatore del girone con il 92% di positività; un successo a testa, invece, per Lombardi e per Silvia Traversi, in entrambi i casi a spese di Cacciapuoti. Con la zona calda a sei punti, il team estense può già godere di una relativa tranquillità. Brutto scivolone, invece, in serie D2, dove la squadra “D” societaria ha sciupato buona parte del tesoretto accumulato nelle prime giornate perdendo male a Castenaso contro il fanalino di coda (2-5), con il solo Polloni (due punti su Cacciari e Martelli) a rendere meno pesante il passivo. Gli estensi, in questo caso, sono appena due punti sopra la soglia retrocessione. Due belle vittorie, infine, in serie D3 (entrambe per 5-1). La formazione “E”, dominatrice del suo girone, ha liquidato senza problemi l’Unione 90 “A” con doppiette di Alessandro Andreoli e di Bianchetti (costretto però a due quinti set da Di Gennaro e Righi) e un bellissimo punto del “baby” Pietro Andreoli su Tardini (3-2). La squadra “F”, ormai a centroclassifica, ha invece superato la seconda squadra dell’Unione 90 con due successi a testa di Travers e di Biasini e grazie al primo punto stagionale di Gangarella.



  • TORNEO REGIONALE GIOVANILE (MANZOLINO, 17/11/2019)

Partecipa solo Pietro Andreoli, al suo primo torneo ufficiale nella categoria Giovanissimi. Peccato per l’eliminazione di misura in girone (decisiva la sconfitta in cinque set contro Rettighieri nonostante una bella rimonta da 0-2; per il resto, successo per 3-0 su Zerbini e battuta d’arresto con lo stesso punteggio contro Clabacchi); il “baby” estense, comunque, si rifà aggiudicandosi il tabellone di consolazione, nel quale, grazie ai successi su Ramigni (3-0) e su Antonioli (3-0) conquista il quinto posto assoluto della manifestazione.



  • CAMPIONATI A SQUADRE – 4a GIORNATA (09-10/11/2019)

Gioie e dolori, per il Tennistavolo Ferrara, nella quarta giornata di serie C1. Se la formazione “A”, in veste rimaneggiata per l’assenza del numero uno Seidenari, è stata travolta sul campo del Vergati Sarmeola (0-5), la squadra “B”, per contro, si è resa protagonista di una memorabile e importantissima rimonta casalinga, battendo in un delicato scontro salvezza il Nettuno Cibix per 5-4 dopo essere stata a un passo dalla sconfitta (era sotto per 1-4). Una vera e propria battaglia, quella di cui si sono resi protagonisti Curarati (due punti), Sani (due) e Antonucci (uno), quest’ultimo schierato al posto dell’indisponibile Gallerani e al ritorno in C1 nazionale dopo quattro stagioni; una gara piena di pathos e protrattasi per ben cinque ore, con cinque singolari su nove (compreso l’ultimo, quello decisivo) risolti all’ultimo “respiro” del quinto set. Per il Tennistavolo Ferrara “B” sembrava ormai notte fonda quando, sul 2-4, nella sfida fra numeri uno Sani si era trovato a fronteggiare la bellezza di quattro match-point contro un ispiratissimo Zannoni; ma l’orgoglioso colpo di reni del ferrarese (capace di imporsi per 17-15 in una “bella” palpitante) ha dato il via alla clamorosa rimonta di squadra, proseguita con il rapido 3-0 di Curarati su Bertana e completata, nell’incontro finale, da un Antonucci solido e presente nella fase decisiva (3-2 su Serravalli). La vittoria sui bolognesi consente alla squadra “B” di assestarsi a centroclassifica. Niente da fare, invece, per la formazione “A” a Sarmeola contro il coriaceo Vergati (Bragotto, Matijevic, Ferrara). L’assenza di Seidenari e il valore degli avversari non basta a giustificare il “cappotto” subìto, anche se le partite di Buzzone e Caravita sono state complessivamente combattute (due quinti set persi). La squadra sarà ora chiamata a rialzarsi in fretta per abbandonare la zona a rischio della classifica, ma il rientro di Seidenari dovrebbe riportare rapidamente il barometro al sereno. In serie D1 il Tennistavolo Ferrara “C” ha espugnato il campo del Reggio Emilia (avversari in campo con Armento, Monducci e Giorgio) per 5-1, con due punti del sempre più positivo Mugellini (finora nove vittorie in dieci singolari disputati), doppietta di Mari (quarta vittoria di fila) e un punto di Silvia Traversi. Netta la superiorità dimostrata, con la classifica che, grazie alla seconda vittoria consecutiva, si fa più tranquilla (+4 dalla zona retrocessione). Ferma la squadra di D2 per il turno di riposo, in D3 la formazione “E” societaria ha confermato il suo dominio assoluto battendo in casa la Virtus Casalgrande “D” (Guzzi, Torrassa, Bondioli) per 5-2 con tre punti dell’ancora imbattuto Andreoli (nessun set ceduto agli avversari in dieci partite) e due vittorie di un solido Bianchetti. La squadra “F”, invece, in un altro girone ha ceduto in casa alla capolista Maior “4” (Caglayan, Amenduni, Fulmine, Agate) per 1-5 con punto della bandiera di Tumiati.



  • CAMPIONATI A SQUADRE – 3a GIORNATA (26-27/10/2019)

La “prima volta” al completo, per la squadra “A” del Tennistavolo Ferrara, ha coinciso con la prima vittoria stagionale in serie C1: 5-2 casalingo all’ostica Metalparma Villa d’oro Modena (Roncaccioli, Stanga, Liambo), grazie alla tripletta del nuovo acquisto Seidenari (ancora imbattuto dopo sei singolari) e alle due vittorie al quinto set di Buzzone, al debutto in campionato. Una partita non propriamente semplice, che gli estensi però hanno condotto in porto con autorità, al punto che anche le due gare perse da Caravita sono state molto combattute, al punto che si sono risolte alla bella. Sempre in C1, la formazione “B” è stata battuta per 5-3 a Bologna dalla temibile Fortitudo (ancora a punteggio pieno) dopo un match tiratissimo, rimasto in bilico sino alla fine. I ferraresi hanno retto fino al 3-3 (due punti di Curarati su Onofri e Stefanelli, uno di Sani su Stefanelli), poi però il 3-0 di Baroncelli a Curarati e il tiratissimo 3-2 di Onofri a Sani (con l’atleta estense che vinceva per 2-0) si sono rivelati decisivi. Entrambe le squadre del Tennistavolo Ferrara, dopo tre giornate, hanno due punti in classifica. Poker di successi, invece, nei campionati di livello regionale. In D1 la formazione “C” societaria ha rotto il ghiaccio espugnando con un facile 5-0 il campo dell’Unione 90 San Felice sul Panaro, cui ha lasciato il ruolo di fanalino di coda. Due punti per capitan Mugellini (sette vittorie in otto singolari finora), doppietta anche per Mari e un punto per Silvia Traversi. In D2 la squadra “D” societaria, seconda in classifica, ha rifilato un pesante cappotto interno (5-0) al San Martino Old American Rimini con doppiette di Antonucci e Polloni e un punto di Sfrisi. Solo due i set concessi, nell’occasione, agli avversari. In serie D3 il Tennistavolo Ferrara “E” ha vinto in trasferta con il Reno Centese “E” per 5-2, e in questo caso, oltre ai due punti di Bianchetti e delle vittorie di Davi e di Alessandro Andreoli (nessun set perso nei sette incontri di campionato disputati), va rimarcato il primo successo in partite ufficiali del giovanissimo Pietro Andreoli, otto anni e grande promessa della società. Sempre in D3, la squadra “F” estense ha vinto a Funo con il Nettuno Cibix per 5-4, con due punti di Travers e di Azzolina e un successo di Biasini.



  • TORNEO NAZIONALE 4a CATEGORIA (ESTE, 19-20/10/2019)

Buoni risultati per il terzetto del Tennistavolo Ferrara impegnato nel primo torneo nazionale della stagione (137 iscritti). Guido Caravita vince alla grande il suo girone (3-0 a Pinto, 3-1 a Busato e tiratissimo 3-2 al più quotato Caldarola), per poi superare l’ex seconda categoria Ciceri in cinque set nel primo turno a eliminazione diretta. Il disco rosso arriva nei sedicesimi, sempre al quinto set, dalla testa di serie numero uno Casassa, poi vincitore del torneo. Bravo anche Giulio Sani, che dopo un passo falso in girone (1-3 con Corrente) supera la prima fase battendo per 3-1 sia Zorzit sia l’esperto Torregrossa, per poi eliminare in quattro set il quotato Zandonà e perdere nei sedicesimi contro il lombardo Marchi (1-3). Antonucci vince il suo girone battendo Pagnoni (3-1) e Castelvetro (3-0) prima di cedere in cinque set al lucchese Nottolini; poi, nel tabellone a eliminazione, cede nei trentaduesimi al giovane Mazza (1-3).



  • TORNEO NAZIONALE 5a CATEGORIA (CORTEMAGGIORE, 19-20/10/2019)

In campo due rappresentanti del Tennistavolo Ferrara. Il migliore è Claudio Polloni, che vince il suo girone grazie alle vittorie su Gerini (3-2, in rimonta da 0-2) e su Famà (3-1) prima di cedere a Groff (1-3). Nella fase a eliminazione, però, l’atleta estense perde nei sedicesimi contro Venturo (1-3). Sfortunato Andrea Bonora, che lotta ma esce in girone per quoziente set (vittoria per 3-1 su Ieronfantico, sconfitta per 2-3 con Scalvini, sconfitta per 0-3 con Garello).



  • CAMPIONATI A SQUADRE – 2a GIORNATA (12-13/10/2019)

Il derby societario che in serie C1 ha caratterizzato il fine settimana del Tennistavolo Ferrara ha visto la vittoria per 5-1 della squadra “B” sulla squadra “A”, potenzialmente più quotata ma scesa in campo priva degli indisponibili Buzzone e Seidenari, entrambi out per problemi di lavoro. È stato un match anomalo e tutto sommato breve, che ha riproposto una sfida ufficiale in famiglia a questi livelli dopo oltre trent’anni. La formazione “B”, che nell’occasione ha conquistato punti importanti per la corsa salvezza, si è imposta grazie alle doppiette di Curarati e di un combattivo Sani e grazie al punto di Gallerani, battuto in cinque set, nell’altro suo singolare, da un ottimo Caravita. Poche soddisfazioni, contemporaneamente, sono giunte dai campionati a squadre di livello regionale. In D1 il Tennistavolo Ferrara “C” è stato sconfitto a domicilio per 3-5 dalla coriacea Fortitudo Bologna “3”, in una partita nella quale l’unico estense a imporsi è stato capitan Mugellini, autore di una bella tripletta su Castaldini (3-2), Bertoldi (3-0) e Di Meo (3-1). A nulla è valso l’innesto del rientrante Mari, che pur lottando (due gare perse alla bella) non ha colto successi al pari di Lombardi. In D2 la formazione “D”, nonostante i tre punti di un Antonucci fisicamente non al meglio, è stata battuta per 5-4 a Castelmaggiore dalla Maior 3 (un successo anche per Polloni, nessuno per Bonora, infortunatosi durante il suo primo incontro), mentre in serie D3, alla sconfitta della formazione “F” (Tumiati, Gangarella, Azzolina) a Lugo per 5-0 ha fatto riscontro la sofferta, ma importante vittoria del Tennistavolo Ferrara “E”, corsaro a Castenaso per 5-4 con un perentorio “tre su tre” del fuori categoria Alessandro Andreoli (nessun set ceduto fin qui in sei singolari), un punto di Davi e uno, decisivo, di Bianchetti nel nono match. Di rilievo, nell’occasione, anche i primi set vinti dal giovanissimo Pietro Andreoli, otto anni, al debutto nel settore agonistico.



  • CAMPIONATI A SQUADRE – 1a GIORNATA (5-6/10/2019)

È stata una prima giornata di campionato più di ombre che di luci, quella del Tennistavolo Ferrara: solo due vittorie in sei incontri disputati. Va però detto che, almeno in serie C1, le due squadre societarie nel loro debutto non partivano favorite. La formazione “A”, rimaneggiata dalla preventivata e decisiva assenza di Buzzone, ha peraltro retto molto bene nel match casalingo con la coriacea Fortitudo Bologna, cui si è arresa solo per 4-5 con brillante tripletta del nuovo acquisto Seidenari (autore, per lunghi tratti, di un gioco altamente spettacolare) e con un punto di Caravita, a segno in tre combattuti set sul terza categoria Onofri ma sconfitto, in precedenza, da Stefanelli e Baroncelli. Nessun punto, invece, per Lin, che ha comunque fatto tutto il possibile considerando la sua convocazione in assoluta emergenza. Battuta anche la squadra “B” (1-5 a Forlì), ma contro gli Alfieri di Romagna “2”, probabili favoriti per la promozione, la gara sembrava segnata sin dalla vigilia. Gli estensi, in ogni caso, hanno dato filo da torcere ai più quotati avversari e la partita avrebbe potuto essere decisamente in bilico se Curarati e Sani, contro il numero uno locale Citera, non si fossero arresi di misura solo al quinto set e dopo avere visto sfumare situazioni di netto vantaggio. Di Gallerani su D’Amore (3-2, dopo rimonta da 0-2) il punto della bandiera. Niente da fare anche in D1, dove il Tennistavolo Ferrara “C” ha perso una gara sulla carta alla portata sul campo del Reno Centese “B” (3-5). Mugellini ha firmato due punti su Diaco e Di Dio (perdendo invece in tre set da Luparu), Silvia Traversi uno (su Di Dio). Nessun successo per Lombardi. Decisive, nell’economia del match, le due gare perse dalla squadra al quinto set. Bella vittoria a domicilio, per contro, in D2, dove contro la temibile Fortitudo “5” l’innesto di Antonucci (in attesa della probabile chiamata in C1) ha fruttato tre punti, uno dei quali sull’altro “fuori categoria” Azzaroni, battuto dopo cinque tiratissimi set. Le decisive vittorie di Polloni su Messini (3-0) e di Bonora al fotofinish su Zanchini (3-2 in rimonta) hanno portato, poi, al 5-2 finale. In D3, infine, bellissimo successo interno della squadra “E” in casa con la quotata Fortitudo “6”, presentatasi a Ferrara con l’ex terza categoria Garuti: anche in questo caso il risultato è stato di 5-2, con perentoria tripletta di Andreoli (nessun set perso, con parziali nettissimi) e un punto a testa per Bianchetti (su Hachfeld) e Davi (sull’esperto Marchioni). Battuta, invece, la formazione “F” di Gangarella, Fratti e Tumiati: 0-5 casalingo con la Zinella San Lazzaro.



  • TORNEO OPEN OVER 500 (VERONA, 28/09/2019)

Il Tennistavolo Ferrara festeggia la bellissima vittoria di Guido Caravita, che dopo un avvio difficile (girone superato solo per differenza set sull’onda di due successi e una sconfitta) alza perentoriamente il livello e mette in fila, uno dopo l’altro, il temibile Roskach per 3-1, l’ostico difensore Seraglini (numero 620 italiano e seconda testa di serie del tabellone) per 3-2 dopo avere rimontato da 1-2, la prima testa di serie Zaniboni (numero 510 nazionale) per 3-0 e, in finale, il veronese Busato sempre in tre set. In campo anche Antonucci, che vince il suo girone e cede alla bella (dopo avere sciupato due set di vantaggio) nei quarti di finale a Zaniboni.



  • TORNEO OPEN 4a – 5a – 6a CATEGORIA (ESTE, 07-08/09/2019)

Ben otto gli atleti del Tennistavolo Ferrara al via della manifestazione. Nella gara di sesta categoria, quella d’apertura, non si registra alcuna qualificazione alla fase a eliminazione diretta (Davi terzo in girone, Blasi quarto), ma la vera notizia riguarda il debutto nelle prove agonistiche del giovanissimo Pietro Andreoli, otto anni, che nonostante l’emozione gioca bene e impegna sia Marson (sconfitta al quinto set) sia l’esperto Busacca (1-3). Nel torneo di quinta categoria l’acuto più significativo è firmato da Enrico Mugellini, che all’esordio con la nuova racchetta, anche se con qualche momento di difficoltà, sigla cinque successi (tre in girone, due nella seconda fase) prima di cedere nei quarti di finale al coriaceo Tudosi (1-3), poi vincitore del torneo. Prima fase superata anche da Leonardo Lombardi (tre su tre in girone), battuto nei sedicesimi da Rizzi in tre set. Sfortunato Claudio Polloni, che bagna il suo debutto in categoria con una cocente eliminazione in girone per differenza set (una vittoria, due sconfitte). Subito eliminato anche Marcello Davi. Nella prova per quarta categoria il migliore è Giulio Sani, che ferma la sua corsa nei quarti di finale (1-3 dal giovane Fantoni) dopo avere dominato il suo girone (tre su tre, senza set persi) e avere battuto nettamente negli ottavi l’ex Cerini. Antonucci, a sua volta in campo con una gomma inedita, supera come secondo il girone e cede nei sedicesimi al quinto set a Mazza, mentre Mugellini non va oltre la prima fase. Nel torneo assoluto partecipa solo Sani, che giunge ai quarti di finale prima di cedere al vicentino Renso (poi primo classificato).